Le reti svolgono un importante ruolo di supporto alle istituzioni scientifiche dei Paesi della sponda meridionale e orientale del Mediterraneo: favoriscono la creazione di comunità di ricerca regionali riunendo gruppi di persone che lavorano sullo stesso argomento. Perseguono gli stessi scopi scientifici e utilizzano risorse simili, coinvolgono i partner in un dialogo continuo, partecipano a incontri tematici e tecnici, a seminari scientifici, a gruppi di lavoro e conferenze internazionali.   

Tali comunità scientifiche raggruppano scienziati provenienti da vari Paesi mediterranei che collaborano alla raccolta e allo scambio di informazioni, alla ricerca di soluzioni efficaci a problemi comuni, alla standardizzazione di approcci e metodologie di lavoro, sviluppando sinergie tra le attività a livello nazionale e regionale. 
 
Una volta creata, la comunità regionale interagisce con l'IAMB e, attraverso la sua rete telematica, dialoga con le comunità scientifiche più avanzate nei vari continenti, in modo paritario e senza perdere la propria originalità. È così che sono nate le molteplici reti di ricerca internazionali coordinate dall'IAMB.

Le attività in rete condotte dall'IAMB hanno favorito e consolidato un numero notevole di contatti individuali, partenariati istituzionali, relazioni bilaterali tra Paesi, iniziative di enti privati, generando un flusso enorme di informazioni  in continuo aumento, scambi di natura tecnica e professionale, partenariati, pubblicazioni, attività educative e di ricerca, organizzazione di conferenze e seminari, di linee guida per l’armonizzazione di metodologie, rapporti nazionali, ecc.  La condivisione in rete rappresenta una risorsa di grande valore e uno strumento eccezionale a beneficio dei singoli soggetti e delle istituzioni. Negli ultimi anni, lo sviluppo di tali attività è stato notevole.